• 1-800-123-789
  • info@webriti.com

La Costituzione e la Scuola: Ecco i Punti Fondamentali

La Costituzione e la Scuola: Ecco i Punti Fondamentali

La Costituzione elenca alcuni diritti e doveri strettamente correlati all’istruzione. Questo insieme di regole delinea come la Repubblica Italiana ha deciso di garantire il diritto di studio ai propri cittadini e ci sembra doveroso riportarlo fra le pagine del nostro blog, come fonte per studenti, insegnanti e adulti che siano interessati a comprendere i loro diritti e doveri nei confronti della scuola.

 

I diritti scolastici nella Costituzione

Di tutti i diritti che la Costituzione italiana elenca correlati all’istruzione, il più importante è quello legato al “rispetto della persona”.

– Il diritto al “rispetto della persona” di ogni essere umano, chiunque esso sia (art. 32); riconoscendo a tutti i cittadini e le cittadine “pari dignità” sociale, civile e giuridica, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali” (art. 3).

Valido a livello generale, nell’ambito scolastico acquisisce ancora più rilevanza, poiché invita ogni figura appartenente al mondo dell’istruzione a rispettare le diversità altrui, facendone tesoro come spunto di arricchimento personale e formativo. Un messaggio importante, spesso non tenuto degnamente in considerazione.

La carta costituzionale continua inoltre, dicendo che lo studio è un “diritto di tutti”.

– Il diritto di tutti (anche “gli inabili ed i minorati”) ad essere sostenuti nel cammino verso “il pieno sviluppo della persona umana”, attraverso la rimozione degli “ostacoli di ordine economico e sociale”, che limitano di fatto “la libertà e l’uguaglianza dei cittadini” (art. 3 e 38).

Su questo principio si fonda la filosofia della scuola moderna, che non deve essere prerogativa di pochi né deve essere discriminante. Ogni studente deve essere trattato allo stesso modo ed avere le stesse possibilità formative, a prescindere dal ceto sociale o da eventuali inabilità.

Siro Arcuri

Leave a Comment